Dissuasori di sosta e di parcheggio

 

dissuasori-di-parcheggio-bollards

I dissuasori della sosta o del parcheggio sono dispositivi fissi o removibili che hanno come funzione primaria quella di impedire che le macchine si piazzino in determinate aree o zone riservate al traffico, ma possono anche essere utilizzati per altri scopi come ad esempio delimitare aree pedonali, aree verdi oppure ancora strade o spazi privati, anche se in questo caso la richiesta va avanzata dal singolo cittadino che ne sia proprietario esclusivo.

 

 

Il Codice della strada, che regolamenta l’utilizzo dei dissuasori, li classifica come ‘segnaletica stradale complementare’, anche perché nella maggioranza dei casi sono utilizzati per ridurre se non eliminare del tutto la sosta e il parcheggio abusivi davanti ai portoni oppure vicino a passi carrabili. In ogni caso i dissuasori di sosta e parcheggio devono essere sempre assolutamente visibili e posizionati in modo da non creare nessun pericolo per la circolazione, oltre che per i pedoni, i ciclisti, le persone disabili e i bambini. Inoltre deve essere garantita la loro visibilità sia di giorni che di notte, anche con l’apposizione di elementi rifrangenti sulla loro cima e i fianchi.  

I dissuasori possono essere fissi o mobili come nel caso si utilizzino per evitare la sosta presso un passo carrabile, con apertura e chiusura regolate da un telecomando.

Ma quali sono i principali modelli? Anzitutto le colonnine cilindriche, i dissuasori in cemento (tipo quelli modello a panettone), quelli in plastica che vengono riempiti d’acqua per ancorarli al suolo e quelli ad arco, oltre alle ‘parigine’, i classici paletti e paracarri che vediamo normalmente per strada.

 

 

dissuasori-metallici-di-sosta-e-parcheggio

Esistono però anche dissuasori mobili, collocati sotto il livello stradale, attivabili e disattivabili come ad esempio in Zone a traffico limitato: quando sono chiusi sembrano piccoli tombini circolari, mentre quando sono in funzione hanno la forma di cilindri a bande riflettenti o con LED per essere visibili anche in condizioni di scarsa visibilità e durante la loro  attivazione emettono dei segnali sonori o luminosi.

 

 

coni-di-sicurezza

In particolare i dissuasori in plastica vengono soprattutto utilizzati quando ci sono lavori stradali, per deviare quindi il traffico, mentre quelli in cemento (detti anche ‘panettoni’) normalmente hanno al centro della loro parte superiore un occhiello in metallo per poter essere spostati. In tutti i casi però, per rispettare il Codice della strada, i dissuasori di sosta e di parcheggio devono essere in armonia con gli altri arredi stradali, sempre assolutamente visibili sia dagli automobilisti che dai ciclisti e dai pedoni (in particolari disabili e bambini) e devono anche obbligatoriamente essere autorizzati dal Ministero dei lavori pubblici, in particolare dall’Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale.

 

dissuasori-in-calcestruzzo-panettone

Quando si tratta di una strada privata, ma ad uso pubblico, oppure in comproprietà con altri abitanti e residenti per piazzare i dissuasori è necessario un accordo comune tra tutti gli interessati prima che l’opera venga realizzata e lo stesso discorso vale per i palazzi, o ancora quei luoghi dove più abitazioni autonome condividono fra loro strade, rete idrica e fognaria, illuminazione. I prezzi variano da qualche decina di euro per un un dissuasore in cls modello panettone a qualche migliaio di euro per i modelli più evoluti automatici con pannello solare.

 

Compra online dissuasori di sosta a prezzi economici

Acquista dissuasori di sosta in offerta! CLICCA QUI